17 Settembre 2019
È noto come l’80% dei danni nei sistemi oleodinamici sia causato dalla contaminazione da particelle solide dei fluidi idraulici. In tal senso, il nuovo contatore di particelle LPA3 MP Filtri, rappresenta una soluzione altamente innovativa, a disposizione degli operatori, per effettuare un controllo rapido, accurato e completo delle condizioni di funzionamento dell’olio, con un grado superiore di affidabilità e precisione. Un laboratorio portatile di ultima generazione che si configura come un vero e proprio alleato sul campo, in grado di assicurare i medesimi standard di efficienza anche in ambienti di lavoro critici. Grazie alle importanti innovazioni tecnologiche introdotte, LPA3 consente di misurare, segnalare e visualizzare automaticamente la contaminazione da particolato, il livello di umidità, la pressione e la temperatura del sistema, permettendo di attivare con tempestività le opportune procedure di manutenzione, prima che si verifichino dei guasti. I vantaggi sono: una consistente riduzione dei tempi di fermo macchina, una forte diminuzione dei costi ed una maggiore durata del ciclo di vita dei componenti, a garanzia della massima continuità di esercizio. In particolare, elementi distintivi del nuovo contatore portatile di particelle sono:

l’elevato grado di programmazione e personalizzazione dei volumi di campionatura (fino a 100ml di campione in un solo minuto);
la quantità di test eseguibili in contemporanea;
la maggiore versatilità di impiego;
l’ampia gamma di formati di reportistica, in grado di soddisfare qualsiasi standard richiesto;
• la possibilità di scaricare i dati elaborati tramite connessione USB, oppure di stamparli istantaneamente grazie all’adozione di una stampante termica opzionale.
Infine, massima eccellenza per la facilità di utilizzo anche per l’operatore meno esperto che, con un semplice tocco sul display a colori touch screen da 10’’ ad alta risoluzione, completamente programmabile, potrà attivarne le funzionalità.
CONTINUA